Seleziona una pagina

Cracovia

a partire da

Cracovia è una città affascinante, complessa e sorprendente, capitale culturale della Polonia e considerata un elegantissimo salotto, con le sue stradine acciottolate, i castelli imponenti in cima alle colline, ed il suo mirabile centro storico riconosciuto Patrimonio Unesco. Armatevi quindi di zaino e cartina perché tante sono le cose da vedere ed è la destinazione perfetta da scoprire in un weekend di 4 giorni; si gira benissimo a piedi o in bicicletta, cosa che consigliamo fortemente per scoprire angolini e dettagli davvero stupendi.

Categoria:

Descrizione

PROPOSTA DI ITINERARIO

4 GIORNI / 3 NOTTI

1 Giorno :                                                                                                                                                               

Il Tour che consigliamo inizia con la visita del Castello di Wawel, il Castello Reale che domina la città; per i polacchi  ha un valore sacro ed è senz’altro un luogo degno di nota per la sua imponenza e la  mescolanza di stili architettonici  che lo caratterizza. Siamo di fronte ad  un complesso monumentale ricchissimo, dove si possono ammirare gli appartamenti reali, che danno  una idea della  magnificenza che regnava nella nobiltà di corte; la meravigliosa Cattedrale, per secoli sede preposta alle incoronazioni dei monarchi polacchi e luogo di sepoltura di reali e personaggi di spicco; la Cappella della Santa Croce  e la Cappella di Sigismondo con la splendida vista che si gode dalla Torre omonima. Sempre nel complesso di Wawel si possono ammirare  il Tesoro della Corona, l’Armeria reale, e la Grotta del Drago da dove si gode un bel panorama sul fiume Vistola e i sobborghi più a ovest.  Da tenere conto che  le varie attrazioni del Castello sono separate e quindi  anche i biglietti d’ingresso lo sono;  è consigliabile quindi acquistarli online o comunque prima della partenza per evitare lunghe file.   Dopo pranzo (ottimi e numerosi i locali dei dintorni),  consigliamo di tornare  nel cuore pulsante della città vecchia, Rynek Glowny, una delle più grandi e belle piazze d’Europa, epicentro di Cracovia fin dal Medioevo, e oggi crocevia brulicante di vita. Si può osservare la piazza salendo sulla Torre del Vecchio Municipio, alta 75m. (circa 200  gradini di pietra), nel quale si potranno ammirare i macchinari dell’antico orologio della Torre.  L’Hejnal (squillo di tromba), scandisce l’orario dalla  bellissima Basilica di Santa Maria, chiesa gotica edificata intorno al 1220,  che domina la piazza con le sue due torri di diversa altezza; raffinati gli interni tra cui spicca il grande Polittico in legno sull’altare, l’opera d’arte medievale più importante dell’intera Polonia; da ammirare inoltre gli elaborati affreschi e le vetrate policrome.  In ultimo, prima di degustare la cena in uno dei tanti locali che circondano la piazza,  consigliamo un giro all’interno del Mercato dei Tessuti ; il Rynek è affascinante sempre , di giorno per  la vivacità e di notte per il suo romanticismo, con le carrozze che attraversandola le donano un fascino d’altri tempi.

2 Giorno:

Il secondo giorno può iniziare con la visita alle Miniere di Sale di Wieliczka, (praticamente alla periferia di Cracovia),  bellissima, e Patrimonio UNESCO già da una trentina d’anni . Non si vedrà altro che sale, ma è proprio questa la cosa impressionante, un affascinante mondo sotterraneo fatto di pozzi e stanze zeppi di sculture e bassorilievi raffinati, magistralmente scolpiti nel sale. La visita inizia con la discesa di 380 gradini che portano ad una profondità di 135 metri, per raggiungere il vero capolavoro di queste Miniere, la decorata cappella di Santa Cunegonda; ogni singolo elemento qui è fatto di sale, dai candelabri alle pale d’altare; segue la visita delle stanze, tutte particolarissime; infine breve sosta al Museo delle Saline di Cracovia, disposto al terzo livello, da cui poi un ascensore da miniera riporterà i visitatori in superficie.  Dopo pranzo si può ritornare nel centro storico e concedersi una passeggiata a bordo di una delle tante carrozze tirate da cavalli, che sostano in fila in piazza Rynek Glowny, il modo più romantico di visitare Cracovia e fare un salto indietro nel tempo.

3 Giorno :

Il terzo giorno lo dedichiamo alla visita ad Auschwitz, anch’esso Patrimonio Unesco dal 1979,  un luogo che non ha bisogno di commenti;  ogni essere umano deve andarci prima o poi,  per capire, ricordare, riflettere, emozionarsi. Entrambe le sezioni del campo, la principale (Auschwitz 1), e quella più grande e periferica a Birkenau (Auschwitz II) distante 2 Km sono state preservate e aperte al pubblico. Attraversare il famigerato cancello coronato con la scritta “Arbeit macht frei” è una emozione dolorosa  che farà vivere intensamente questa toccante esperienza.   La località, Oswiecim dista circa 60 Km da Cracovia, e vi si può arrivare comodamente con uno dei tour guidati ( in genere della durata di 6/7 ore ma c’è ampia scelta)  disponibili nelle tante agenzie locali; quasi sempre è compreso il trasferimento in bus andata/ritorno da Cracovia;  anche in questo caso è preferibile  acquistare il voucher prima della partenza. Dopo una emozione così forte è consigliabile la sera sostare a degustare qualcosa presso uno dei tanti locali del centro, o se si è più fortunati, godersi la musica dei tanti artisti di strada.

4 Giorno :

L’ultimo giorno del nostro viaggio possiamo dedicarlo allo shopping  per gli ultimi acquisti, o dedicarci a  qualche zona meno famosa ma comunque interessante della città, o possiamo girovagare ancora un po’ per  Stare Miasto (la città vecchia); io però consiglio una visita alla “ Fabbrica di Schindler”  un’ esperienza di storia dal significato unico.  Ubicata nel quartiere periferico meridionale di Podgorze, cieca 10 min. a piedi dal ghetto ebraico di Kazimierz, accoglie in un vecchio edificio amministrativo della fabbrica di Schindler, un’esposizione permanente che narra Cracovia durante l’occupazione nazista fra il 1939 e il 1045. Non è un memoriale di Schindler bensì la vera storia della città e degli ebrei di Cracovia,  e la storia dolorosa e toccante  delle loro  difficoltà affrontate nel campo di concentramento di Podgorze. Per ogni appassionato di storia (e non solo), è  un luogo speciale che merita di essere visitato con una guida (spero appassionata e competente), perchè qualche didascalia in inglese non vi aiuterà certo a conoscere nei dettagli tutto ciò che merita di essere ricordato.

CIBI TIPICI DA PROVARE :                                                                                                                                            PIEROGI:  ravioloni ripieni di carne, verdure o formaggio.                                                                                               GOLABKI: involtino di verza cotto al forno con pomodoro piccante, Carne macinata cipolla tritata e riso.                                  ZUREK   Zuppa tradizionale a base di salsiccia affumicata uova e farina di segale  (I più coraggiosi potranno assaggiare la zuppa nel pane servita con tanto di coperchio (di pane).

COSTRUZIONE  DEFINITIVA DEL VIAGGIO ( + VOLO / HOTEL )   E PREVENTIVO FINALE SU RICHIESTA

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Cracovia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Invia su WhatsApp
1
Serve aiuto?
Ciao, sono Fulvia.
Come posso aiutarti?